Approvato il bilancio del Consiglio Regionale

Il fabbisogno di spesa per l'organizzazione e il funzionamento del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, legato agli esercizi finanziari del prossimo triennio, è di 19.440.000 euro per il 2022, 19.323.000 per il 2023 e 18.704.000 per il 2024.L'Assemblea legislativa regionale, riunita a Trieste e presieduta da Pi...
 |  Francesco Tremul  |  Politica

Il fabbisogno di spesa per l'organizzazione e il funzionamento del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, legato agli esercizi finanziari del prossimo triennio, è di 19.440.000 euro per il 2022, 19.323.000 per il 2023 e 18.704.000 per il 2024.

L'Assemblea legislativa regionale, riunita a Trieste e presieduta da Piero Mauro Zanin, ha aperto la quattro giorni d'Aula riservata all'esame degli strumenti della manovra di bilancio 2022, approvando a maggioranza (astenuti i consiglieri Ilaria Dal Zovo, Andrea Ussai e Mauro Capozzella del Movimento 5 Stelle, oltre a Furio Honsell di Open Sinistra Fvg) il Bilancio di previsione finanziario del Consiglio per gli anni 2022-24.

Come illustrato in sede introduttiva dal relatore Simone Polesello (Lega), il Cr "dispone di piena autonomia di bilancio, contabile, funzionale e organizzativa e la Regione assicura dotazioni necessarie all'esercizio delle sue funzioni. L'Ufficio di presidenza determina, entro ogni 31 ottobre, le somme necessarie per l'organizzazione e il funzionamento del Consiglio e richiede alla Giunta regionale di iscrivere nel bilancio gli stanziamenti conseguenti. Il fabbisogno viene invece determinato sulla base delle relazioni che ciascun dirigente deve comunicare entro il 15 settembre di ciascun anno al Segretario generale".

Il documento contabile previsionale, formulato tenendo conto del Documento di pianificazione strategica per gli anni 2022-23-24 approvato all'unanimità dall'Ufficio di presidenza, prevede un totale delle entrate e delle spese fissato in 19.560.229,11 euro, ai quali ne vanno anno altri 4.724.000 relativi alle Entrate per conto terzi e alle partite di giro.

"La principale voce delle entrate - ha dettagliato Polesello - riguarda i trasferimenti correnti da amministrazioni pubbliche pari, per l'esercizio 2022, a 19.440.000 euro, somma che verrà trasferita dal bilancio regionale al Consiglio. 19.090.000 sono relativi alle somme da imputare all'esercizio finanziario 2022 e 350mila sono destinati al fondo di accantonamento per l'erogazione delle indennità di fine mandato".

La principale voce di spesa riguarda i Servizi istituzionali, generali e di gestione (18.942.207,53 euro). Ossia, la missione 1, composta dai programmi 1 (Organi istituzionali - 18.512.629,11 euro), 2 (Segreteria generale - 205mila), 3 (Gestione economica, finanziaria, programmazione, provveditorato - 1.083.121), 8 (Statistica e sistemi informativi - 376.500) e 10 (Risorse umane - 47mila).

La missione 5 - Tutela e valorizzazione dei beni e attività culturali (programma 2 - Attività culturali e interventi diversi nel settore culturale) prevede una spesa di 197.600 euro, mentre la missione 20 - Fondi e accantonamenti è stata fissata ne prevede 3.850.000 (suddivisi tra i programm1 1 - fondo di riserva e 3 - altri fondi relativi al fondo indennità fine mandato). La missione 99 (4.724.000 euro) riguarda, infine, le partite di giro e i servizi per conto terzi.



©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto