Prosegue la diatriba tra FIDAL e Comune sul Grezar

Continua a far discutere l'interminabile restauro dello storico stadio "Pino Grezar" di Trieste. La FIDAL precisa che fu la stessa Federazione a rescindere il contratto sulla gestione della struttura per motivi legati al manto erboso ed allo spostamento delle vasche del salto, nonchè per la coabitazione con il calcio in fasce orarie importanti p...
 |  Francesco Tremul  |  Cronaca

Continua a far discutere l'interminabile restauro dello storico stadio "Pino Grezar" di Trieste. La FIDAL precisa che fu la stessa Federazione a rescindere il contratto sulla gestione della struttura per motivi legati al manto erboso ed allo spostamento delle vasche del salto, nonchè per la coabitazione con il calcio in fasce orarie importanti per l'atletica leggera. La FIDAL ha tuttavia continuato ad organizzare gare nell'impianto: nel 2021, tra aprile ed ottobre, ne sono state effettuate 21 con la partecipazione di 7900 atleti. Ma se ne sarebbero potute fare molte di più se non fosse intervenuto il divieto di utilizzo del prato...

Il Presidente del Comitato Provincale della FIDAL, Giacomo Biviano, si augura che la nuova Amministrazione comunale possa investire definitivamente sullo stadio finendo i lavori che sono ancora in attesa di essere completati e rendendo lo storico "Pino Grezar" un fiore all'occhiello non solo per la città ma anche per l'atletica italiana.

Parole chiave: Trieste


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto