Buone performances dei porti di TS e KP

Buone performances nei primi dieci mesi del 2021 per i porti di Trieste e di Capodistria. A Trieste i dati confermano per la prima volta nel 2021 il segno positivo sui volumi totali: 45.596.880 le tonnellate di merce movimentata (+0,42%) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Numero che supera anche gli effetti delle manifestazioni no g...
 |  Francesco Tremul  |  Economia e finanza

Buone performances nei primi dieci mesi del 2021 per i porti di Trieste e di Capodistria.

A Trieste i dati confermano per la prima volta nel 2021 il segno positivo sui volumi totali: 45.596.880 le tonnellate di merce movimentata (+0,42%) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Numero che supera anche gli effetti delle manifestazioni no green pass.

La flessione del comparto delle rinfuse liquide (-3,07%), stando alle previsioni, sarà riassorbita completamente entro fino anno, tanto che il solo mese di ottobre indica già un deciso recupero (+12,09%). Il segmento ro-ro raggiunge un +28,89%, con 250.971 unità transitate. Risultato positivo anche per il settore delle merci varie (+8,70%) e per le rinfuse solide (+4,28%).

Minimo la contrazione del traffico contenitori (-0,89%), con 632.485 TEU movimentati. Buona anche la performance del traffico ferroviario: nei primi dieci mesi del 2021 lo scalo giuliano ha raggiunto un totale di 7.754 treni movimentati (+16,08%), operando quasi 1100 treni in più rispetto allo stesso periodo del 2020.
 
In ripresa anche il porto di Monfalcone: nei primi dieci mesi del 2021 il volume complessivo totalizza 2.832.296 tonnellate movimentate (+15,12%). Le rinfuse solide mostrano una crescita a doppia cifra (+27,69%). Ampiamente al rialzo anche i prodotti metallurgici (+32,44%), i minerali (+2,14%) ed i contenitori (+97,38%, 1.056 TEU movimentati).
 
Flessione invece per le merci varie (-11,61%), dovuta in particolare al calo del traffico della cellulosa (-13,49%) e per i veicoli commerciali (-14,14%), dovuta alla penuria mondiale di semiconduttori. Miglioramento costante per il traffico ferroviario: 1.086 i treni operati nello scalo monfalconese, con un incremento del +15,65%.
 
Sono stati 755.980 invece i TEU movimentati da Luka Koper da gennaio a settembre dell’anno in corso. La crescita del 6% supera le previsioni, così come quella del traffico di automobili: 474.022 unità con un +11 %.
 
Continua invece il calo delle rinfuse liquide (-7%). In totale, nel periodo preso in considerazione, il porto di Capodistria ha movimentato 15,73 milioni di tonnellate di merce, crescendo del 6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A marzo, nonostante la situazione causata dalla pandemia il terminal container ha stabilito il nuovo record mensile con 97.101 TEU.
Parole chiave: Trieste


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto