Skip to main content

Trieste Football League, un incredibile finale regala lo scudetto alla Tam Immobiliare. Nel Crazy titolo al Quarto Tempo

Un campionato pazzesco con un finale incredibile nel Trieste Football League. In programma giovedì 11 maggio alle 21.10 a domio il big match tra Dolci di Fulvio e Tam Immobiliare appaiate al primo posto in classifica a quota 40 punti. Chi vince porta a casa lo scudetto, ma il pareggio potrebbe fa...
 |  Redazione sport  |  Calcio
La Tam Immobiliare in festa

Un campionato pazzesco con un finale incredibile nel Trieste Football League. In programma giovedì 11 maggio alle 21.10 a domio il big match tra Dolci di Fulvio e Tam Immobiliare appaiate al primo posto in classifica a quota 40 punti. Chi vince porta a casa lo scudetto, ma il pareggio potrebbe far tornare in corsa anche al Termogas Sistemi che insegue a 38 punti e gioca alla stessa ora a borgo alto contro l’Opera Immobiliare. I presupposti quindi sono tutti per un finale con i fuochi d’artificio e infatti la partita non ha di certo deluso le attese.

Parte subito forte la Tam Immobiliare che sorprende i Dolci di Fulvio forse un pò contratti all’inizio e va in gol con Codan che si insinua nella difesa avversaria beffandola con un tocco sotto di gran classe. I pasticceri si riorganizzano e cominciano a macinare gioco, Kryeziu colpisce il palo con un tiro da fuori e Fabris salva sulla respinta a colpo sicuro di Ramadani. E’ il preludio al pareggio perchè Kryeziu scatta veloce in contropiede e riceve appena entrato in area trafiggendo l’incolpevole portiere avversario. Gli uomini di Fulvio, galvanizzati dal pari, vanno nuovamente vicini al gol, è di nuovo Fabris che deve metterci una pezza in uscita disperata. Dalla parte opposta Feresin si supera su due conclusioni da fuori soprattutto su un bolide di Da Rè sotto l’incrocio dei pali. Sul calcio d’angolo successivo, i pasticceri rischiano l’autogol ma la sfortunata deviazione si stampa sul palo. Cecchini è ispirato e trova Codan da solo con un passaggio filtrante in area di rigore. Feresin in uscita disperata è costretto ad atterrare il centrocampista del Tam Immobiliare. L’ottimo arbitro Bagattin fischia il rigore che il bomber Airoldi trasforma per il 2 a 1 della Tam Immobiliare. Punizione insidiosa degli uomini di Filiplich che Feresin respinge di pugno. Mazreku ci prova da fuori ma Fabris fa buona guardia. Da Rè è sempre pericoloso, dopo aver recuperato la palla in pressing si invola sulla fascia e serve al centro dell’area Airoldi che non sbaglia, 3 a 1 per la Tam Immobiliare. Il Dolci di Fulvio ci prova ma il pressing costante produce solo una traversa, finisce il primo tempo sul 3 a 1 mentre giungono notizie da Borgo Alto dove il Termogas Sistemi sta pareggiando 2 a 2 contro l’Opera Immobiliare. Ripresa subito con i pasticceri in avanti, punizione sventata sulla riga da Prestifilippo, Feresin non è da meno dalla parte opposta su tiro di Codan. Dopo una veloce azione un tocco di mano in area induce l’arbitro Bagattin a fischiare il rigore che però Fabris neutralizza alla sua sinistra ipnotizzando Mazreku dal dischetto. Ma il bomber biancoverde si scatena e in pochi minuti raddrizza la partita prima con un tiro da fuori e poi chiudendo una veloce azione di contropiede per il 3 a 3. In questo momento il Termogas Sistemi sta vincendo a Borgo Alto e virtualmente è allo spareggio contro i Dolci di Fulvio. Ma passano due minuti e Codan porta di nuovo avanti i suoi con un preciso colpo di testa che si insacca sotto la traversa per il 4 a 3 Tam Immobiliare. Non è finita perchè Mazreku ha ormai il piede caldo e da fuori indovina l’angolino per il 4 a 4. Passa ancora qualche minuto e i Dolci di Fulvio partono veloci in contropiede trovando libero Kryeziu che da fuori area buca la difesa avversaria per il 5 a 4! Mancano pochi minuti e sembra ormai finita, ma in questo pazzo campionato nulla è scontato, Airoldi, miglior giocatore del torneo, non ci sta e raccoglie una corta respinta di Feresin mettendo in rete il 5 a 5. Il Termogas Sistemi dilaga ormai contro l'Opera Immobiliare (8 a 2 finale) e spera nello spareggio ma è sempre Airoldi che trova una girata al volo in area (“il colpo del cigno”) e trafigge l’incolpevole Feresin per il 6 a 5 finale. I Dolci di Fulvio ci riprovano ancora su punizione allo scadere ma Fabris vola all’incrocio dei pali e regala lo scudetto al Tam Immobiliare che festeggia a fine gara con lunghi abbracci e cori da stadio. Intervistato il mister Filiplich a bordo campo molto soddisfatto: “Siamo partiti subito forte in testa all’inizio del campionato, abbiamo sofferto a gennaio quando abbiamo perso qualche punto prezioso per strada, ma non abbiamo mai mollato e sapevamo che nelle ultime due partite contro le nostre dirette rivali potevamo giocarcela. Poi un pò di fortuna ci vuole, ma tutta la rosa ha dato il massimo per raggiungere questo grande risultato. Devo fare i complimenti ai miei ragazzi ma anche ai Dolci di Fulvio e al Termogas Sistemi che hanno giocato un campionato straordinario, forse uno dei più belli di sempre.”

Anche nel Trieste Football Crazy al via i festeggiamenti per lo scudetto perchè il Quarto Tempo fa suo il big match contro Muja Dream Team JM dopo una partita molto combattuta ed è ormai irraggiungibile in classifica. Parte subito forte il Muja Dream Team, che alla prima azione, con una bella percussione di Zazzaron, batte Scabar con un tiro da posizione angolata. Il Quarto Tempo però non si scompone ed inizia a macinare il suo gioco. Dopo alcune combinazioni pericolose è bomber Comi, capocannoniere del torneo, a trovare il pareggio dopo un ottimo scambio con Paparella. Il Quarto Tempo mantiene il controllo del match e trova prima l'1-2 su rigore sempre con Comi e poi l'1-3 con Casas che irrompe sulla corta ribattuta dell'ottimo portiere Missio a seguito di una punizione a due in area. Nella ripresa il Muja accorcia le distanze con Premate, ma nemmeno il tempo di esultare che Comi trascina nuovamente la capolista e riporta ancora il Quarto Tempo avanti di due gol. La partita sembra indirizzata verso una storica vittoria, ma a 10 minuti dalla fine i muggesani approfittano di un'azione concitata in area che costa l'infortunio e l'uscita dal campo di Paparella per portarsi sul 3 a 4 con Padovani. Ultimi minuti di sofferenza per la capolista che si chiude bene a difesa della porta di Scabar e conquista i 3 punti che significano vittoria del torneo con un turno di anticipo. E’ uno scudetto atteso da molti anni, ma conquistato grazie alla costanza di risultati ottenuti nella seconda parte della stagione dove i neroarancio hanno dato l’allungo decisivo sulle inseguitrici. Metfer infatti perde contro il Radio Taxi per 6 a 3 e vede allontanarsi anche il secondo posto perchè il 9 Sorelle batte 10 a 3 Cus 2000 e sale a +4 sui rivali. Il Radio Taxi conquista invece matematicamente il quarto posto grazie ad uno scatenato Besar Hoti autore di 4 gol.  A metà classifica vittorie anche per l'Istria Tecnocasa Muggia con la tripletta di Cappiello, Salone Davide che torna alla vittoria contro la Sissa con una doppietta di Steffè e Pizzeria Arcobaleno trascinata dalla quaterna del suo bomber Umek.
Parole chiave: Trieste