UniTS inaugura il Centro di simulazione medica

Inaugurato oggi a Trieste il Centro di simulazione medica ed addestramento avanzato dell’Università di Trieste, una struttura all’avanguardia che si candida a diventare punto di riferimento riconosciuto del settore per il centro e sud Europa. Allestito in una palazzina di 400 metri quadri, progettata e costruita allo scopo nel cuore del co...
 |  Francesco Tremul  |  Salute

Inaugurato oggi a Trieste il Centro di simulazione medica ed addestramento avanzato dell’Università di Trieste, una struttura all’avanguardia che si candida a diventare punto di riferimento riconosciuto del settore per il centro e sud Europa.

Allestito in una palazzina di 400 metri quadri, progettata e costruita allo scopo nel cuore del comprensorio dell’Ospedale di Cattinara di Trieste, il CSMAA nasce grazie al finanziamento di oltre 1.500.000 € conferito dal MIUR nel 2016 per l’eccellenza del Dipartimento di Scienze Mediche ed alla convenzione siglata con ASUGI.

Costituito da 4 sale simulazione collegate da 3 sale regia, il nuovo centro ospita le tecnologie più aggiornate attualmente disponibili. Anima del CSMAA sono quattro manichini a grandezza naturale (due modelli adulti e due per l’età pediatrica) che mimano perfettamente il funzionamento e le reazioni del corpo umano ad interventi medici, chirurgici e farmacologici, un tavolo anatomico digitale per autopsie virtuali, un dispositivo avanzato di simulazione per ecografie ed altri due per l’auscultazione cardio polmonare.

Il centro è dotato di un sistema di ultima generazione Learning Space CAE che permette di registrare le sessioni di simulazione e di rivederle in streaming o in debriefing nella stessa palazzina, oltre alla possibilità di salvare le performance degli studenti e monitorare i loro progressi nel tempo. E’ inoltre possibile creare la cosiddetta “Voice of God”, ovvero la diffusione nei diversi laboratori della voce degli istruttori che, dalle sale regia, potranno guidare gli allievi.

Il centro offre anche un’aula da 30 posti per riunioni operative ed eventi formativi intitolata ad Aldo Leggeri, fondatore della Scuola chirurgica triestina riconosciuta a livello internazionale, Preside dell’allora Facoltà di Medicina e Chirurgia di UniTS dal 1995 al 2003 e formatore di generazioni di chirurghi.

Il patrimonio tecnologico del CSMAA sarà al servizio di studenti e specializzandi di area medica e delle professioni sanitarie, rafforzando lo stretto legame tra didattica e pratica clinica, ma anche di professionisti ed enti esterni con attività in “conto terzi” per formazione continua, aggiornamento e certificazione. In particolare, il Centro si propone di valorizzare la formazione di rianimazione cardiopolmonare di base per imprese pubbliche e private.

Parole chiave: Trieste


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto