Nota di ASUGI sulla Cardiologia

ASUGI rileva in una nota che "in considerazione dell’aumento dei ricoveri per Covid già alla fine del mese di novembre, sono stati attivati otto posti letto di Terapia intensiva Covid presso l’ospedale di Gorizia, in aggiunta agli attuali 8 posti di terapia intensiva No-Covid"."Tutto ciò - prosegue la nota - ha comportato una riorganiz...
 |  Francesco Tremul  |  Salute

ASUGI rileva in una nota che "in considerazione dell’aumento dei ricoveri per Covid già alla fine del mese di novembre, sono stati attivati otto posti letto di Terapia intensiva Covid presso l’ospedale di Gorizia, in aggiunta agli attuali 8 posti di terapia intensiva No-Covid".

"Tutto ciò - prosegue la nota - ha comportato una riorganizzazione dell'attività chirurgica programmata presso i nosocomi di Gorizia e a Monfalcone, ma sono sempre state garantite le urgenze/emergenze e tutta l'attività oncologica e parte di quella ordinaria. Nello specifico, per quanto riguarda la Cardiologia del nosocomio l’attività è stata riorganizzata (e non sospesa) per garantire comunque l’assistenza cardiologica presso l’ospedale di Gorizia, in collaborazione con il reparto di Monfalcone e Trieste".

La struttura ha assicurato la disponibilià di "un medico presente h 24 che effettua visite e dirotta gli eventuali ricoveri verso altre Strutture di ASUGI. L’Azienda sanitaria garantisce che a termine dell’emergenza sanitaria in atto, l’attività di Cardiologia presso l’ospedale di Gorizia tornerà a regimi pre-pandemia".

Parole chiave: Gorizia


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto