Inaugurato il murales per Mattia

La prematura scomparsa del giovanissimo e talentuoso Mattia Montenesi, noto negli ambienti nazionali della breakdance come Bboy Scatto, ha portato, oltre al cordoglio della città, un desiderio di mantenere viva la sua presenza con un murale; ovviamente un murale in un luogo molto significativo per lui: il Polo Giovani Toti, in cui...
 |  Redazione de Il Meridiano  |  Attualità

La prematura scomparsa del giovanissimo e talentuoso Mattia Montenesi, noto negli ambienti nazionali della breakdance come Bboy Scatto, ha portato, oltre al cordoglio della città, un desiderio di mantenere viva la sua presenza con un murale; ovviamente un murale in un luogo molto significativo per lui: il Polo Giovani Toti, in cui Mattia per anni ha affinato la sua tecnica di breakdancer.

L'iniziativa, promossa dal Comune di Trieste – Assessorato ai Giovani, è stata presentata presso il Polo Giovani Toti alla presenza dell'Assessore alle Politiche dell'Educazione e della Famiglia, Nicole Matteoni, inaugurando nel contempo l'opera artistica realizzata sul muro interno della terrazza più panoramica del Polo.

L'artista triestino che ha curato la realizzazione del murales è Marco Ghersinich, in arte Dued, individuato per il profondo legame con Mattia attraverso la pratica della breakdance e l'innegabile capacità ritrattistica. Gherisinich infatti si è distinto nel mondo della creatività urbana locale sin dai primi esperimenti di street art in città lungo i muri perimetrali degli impianti sportivi di Ponziana. Per lui, un'altra occasione per dare un contributo al movimento di street art locale attraverso il progetto “Chromopolis - La città del futuro” curato dal PAG Progetto Area Giovani del Comune di Trieste – Assessorato ai Giovani.

Parole chiave: Trieste


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto