Nato il comitato Piedimonte Podgora

E' nato a Gorizia il comitato Piedimonte Podgora con l'obiettivo di denunciare le condizioni di abbandono e degrado del quartiere. In particolare, il comitato spontaneo dei cittadini lamenta la chiusura della passerella ciclo-pedonale con Straccis, l'assenza di una farmacia, la carente manutenzione dei sentieri per il monte Calvario e delle spo...
 |  Francesco Tremul  |  Attualità

E' nato a Gorizia il comitato Piedimonte Podgora con l'obiettivo di denunciare le condizioni di abbandono e degrado del quartiere.

In particolare, il comitato spontaneo dei cittadini lamenta la chiusura della passerella ciclo-pedonale con Straccis, l'assenza di una farmacia, la carente manutenzione dei sentieri per il monte Calvario e delle sponde del rio Stoperca, i ritardi nell'ampiamento del cimitero, l'insufficiente segnaletica stradale, la pericolosità dei marciapiedi e lo stato di incuria del muro del tempo e del muro delle cinque lingue (l’italiano, lo sloveno, il tedesco, il friulano e la lingua universale dell’arte; questi muri sono le opere d’arte affrescate sulla barriera che separa la strada principale dalle attività produttive di Piedimonte Podgora, dove grazie ad un’illuminata intuizione i più noti pittori e poeti goriziani hanno voluto lasciare una traccia della loro ispirazione e del loro amore per la città).

Il comitato auspica un ampio intervento di riqualificazione del quartiere visto e considerato che nel 2025 Gorizia sarà capitale europea della cultura (con Nova Gorica).

Parole chiave: Gorizia


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto