45 quintali di rifiuti raccolti dai fondali

La raccolta dei rifiuti subacquei organizzata dalla Federazione Italiana Pesca Sportiva, Attività Subacquee e Nuoto Pinnato per la Giornata mondiale dell’Ambiente ha centrato lo scopo: sono stati 45 i quintali di rifiuti che i subacquei e gli apneisti sono riusciti a recuperare dal fondo del mare. Gli specchi marini del Cedas di Barcola a Tries...
 |  Francesco Tremul  |  Attualità

La raccolta dei rifiuti subacquei organizzata dalla Federazione Italiana Pesca Sportiva, Attività Subacquee e Nuoto Pinnato per la Giornata mondiale dell’Ambiente ha centrato lo scopo: sono stati 45 i quintali di rifiuti che i subacquei e gli apneisti sono riusciti a recuperare dal fondo del mare.

Gli specchi marini del Cedas di Barcola a Trieste ma anche di Agropoli, Castellammare del Golfo, Catanzaro Lido, Fossacesia, Isola di Capo Rizzuto e Santa Maria di Leuca saranno così più puliti e vivibili.

"Il mare e la sua salute vanno preservati a tutti i costi, ha spiegato Ugo Claudio Matteoli Presidente della Fipsas. Anche questa volta abbiamo provato a rendere il mare più accessibile anche a pesci e molluschi: la salvaguardia dell’ambiente marino è una priorità".

Parole chiave: Trieste


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto