Celebrato il 25 aprile

Il 77° anniversario della liberazione è stato celebrato oggi alla Risiera di San Sabba a Trieste, presenti autorità civili, militari e religiose. Alla cerimonia erano presenti i gonfaloni di Trieste, Muggia, della Regione Friuli Venezia Giulia, di Duino Aurisina e San Dorligo della Valle-Dolina e ha partecipato&nb...
 |  Francesco Tremul  |  Attualità
Il 77° anniversario della liberazione è stato celebrato oggi alla Risiera di San Sabba a Trieste, presenti autorità civili, militari e religiose. Alla cerimonia erano presenti i gonfaloni di TriesteMuggia, della Regione Friuli Venezia Giulia, di Duino Aurisina e San Dorligo della Valle-Dolina e ha partecipato il picchetto del Reggimento Lancieri di Novara Quinto. Presenti anche i rappresentanti e i labari di vari gruppi, Enti e delle Associazioni dei Volontari della Libertà, dei Caduti, delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, dei Sindacati e del Comitato Internazionale del Lager Nazista della Risiera di San Sabba, nonché la bandiera della Brigata Ebraica che, inquadrata nell'Ottava Armata dell'Esercito Britannico, contribuì alla liberazione d'Italia.
 

La cerimonia ha visto la deposizione di una corona d’alloro congiunta da parte della Regione FVG, del prefetto e commissario di governo Annunziato Vardè del Comune di Trieste e di un’altra corona d’alloro congiunta da parte di Comuni di Duino Aurisina, Monrupino, Muggia, Sgonico e San Dorligo della Valle/DolinaAltre corone e omaggi floreali sono stati deposti da rappresentanti di gruppi e associazioni. Sono seguiti gli interventi dei primi cittadini di Trieste e di Duino Aurisina e di Lucrezia Flora a nome delle Associazioni dei Partigiani e dei Deportati e di Emanuela Fregonese per i Sindacati.

Sono stati celebrati quindi i riti religiosi: cattolico, officiato dall’arcivescovo mons. Giampaolo Crepaldi; ebraico, a cura del rabbino capo della Comunità ebraica Paul Alexandre Meloni; greco-ortodosso, dall’archimandrita Grigorios Miliaris; serbo-ortodosso, da padre Rasko Radovic. Al termine si è tenuto un concerto del coro partigiano triestino.

Dopo la cerimonia alla Risiera di San Sabba una delegazione dell’Amministrazione comunale di Trieste è partita per andare a deporre corone d’alloro sui luoghi simbolo che onorano la memoria dei Caduti della Resistenza. Il percorso ha toccato e reso omaggio amonumento ai Caduti in via dell’Istria, al cippo della Resistenza nel Parco della Rimembranza, alla lapide ai Caduti antinazisti del '44 in via Massimo D’Azeglio, al cippo che commemora 71 fucilati condannati dal tribunale speciale al Poligono di Villa Opicina e in via Ghega a51 martiri del '44.



©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto