Nuovo volto per il castello di San Giusto

Il nuovo volto del castello di San Giusto, nel progetto dell’Assessorato alle politiche della cultura e del turismo del Comune di Trieste, sarà presentato dall’Assessore Giorgio Rossi durante la visita a Trieste di una delegazione dell’Ente per il turismo della Città di Pola, guidata dal Sindaco di Pola Filip Zoricic, in programma martedì 22 mar...
 |  Francesco Tremul  |  Attualità

Il nuovo volto del castello di San Giusto, nel progetto dell’Assessorato alle politiche della cultura e del turismo del Comune di Trieste, sarà presentato dall’Assessore Giorgio Rossi durante la visita a Trieste di una delegazione dell’Ente per il turismo della Città di Pola, guidata dal Sindaco di Pola Filip Zoricic, in programma martedì 22 marzo, alle ore 11.30, nella Sala Bobi Blazen di Palazzo Gopcevich (via Rossini 4).

L’occasione è maturata grazie alla visita della delegazione alla mostra “Una vita per il balletto - Hommage à Jelko Yuresha” ospitata al Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” ed organizzata nel segno della collaborazione tra il Comune di Trieste, la Comunità Croata di Trieste ed il Museo delle Arti e dell’Artigianato di Zagabria.

Per incentivare le relazioni tra gli operatori turistici italiani e croati la direttrice dell’Ente per il turismo di Pola Sanja Cinkopan Korotaj presenterà a sua volta due grandi progetti culturali, finanziati dall’Unione Europea, volti al recupero, rinnovamento ed utilizzo a fini culturali di due antiche perle architettoniche della città.

Il primo progetto, denominato "Pola, il sistema di fortificazione", prevede la ristrutturazione delle aree espositive del Castello Veneziano ed il collegamento tramite un ascensore delle stesse alle gallerie sotterranee (che si sviluppano su due livelli), creando così un nuovo, moderno e unico spazio espositivo che migliorerà notevolmente il servizio offerto ai visitatori e consentirà di riscoprire una località forse da troppo tempo trascurata. I visitatori potranno anche godere di una grande mostra dedicata al sistema delle fortificazioni che comprenderà gli spazi espositivi del Museo al Castello e come pure gli spazi delle gallerie su entrambi i livelli.

L’altro progetto riguarda la sistemazione del Piccolo teatro romano, ubicato nella zona retrostante dell’imponente Museo Archeologico Istriano, che a ristrutturazione avvenuta prevede un palcoscenico con un grande schermo video esterno e posti a sedere da 1.500 a 2.000 spettatori, destinato a un variegato pubblico composto dagli amanti dei concerti di musica di vario genere, delle proiezioni cinematografiche e quant’altro.

Parole chiave: Trieste


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto