Più pescaggio nel porto di Monfalcone

La Capitaneria di Porto ha revisionato l’Ordinanza accosti del porto di Monfalcone. La regolamentazione emanata questa mattina detta i nuovi pescaggi massimi relativi agli accosti 6, 7 e 8 della banchina pubblica Portorosega, modificando i limiti di accesso alle unità mercantili. Il provvedimento - precisa la Capitaneria - si pone nell’ottica d...
 |  Redazione de Il Meridiano  |  Economia e finanza

La Capitaneria di Porto ha revisionato l’Ordinanza accosti del porto di Monfalcone. La regolamentazione emanata questa mattina detta i nuovi pescaggi massimi relativi agli accosti 6, 7 e 8 della banchina pubblica Portorosega, modificando i limiti di accesso alle unità mercantili.

Il provvedimento - precisa la Capitaneria - si pone nell’ottica di garantire il giusto equilibrio tra le esigenze di sicurezza e lo sviluppo della portualità.

In particolare, l’ordinanza consentirà l’approdo di navi mercantili con pescaggio massimo di 10,9 metri non più solo all’accosto 9 ma anche agli accosti 7 e 8. Anche l’accosto 6 è stato interessato da una revisione del pescaggio massimo ammissibile, con l’innalzamento progressivo del relativo limite.

La revisione, volta a incrementare la sicurezza produttiva del porto di Monfalcone, ha visto l’istituzione di un tavolo tecnico, promosso e coordinato dalla Capitaneria di Porto di Monfalcone con il coinvolgimento dei rappresentanti della locale Autorità di Sistema Portuale e dei Servizi Tecnico Nautici.

Parole chiave: Monfalcone


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto