Assestamento ter: +117 milioni di € subito disponibili

"Questo testo normativo, benchéformato da soli 4 articoli, interviene per dare vigore a diversisettori tra i quali quelli delle imprese, della sanità, dellepolitiche abitative, della cultura e dello sport. In seguitoall'accordo sottoscritto tra il presidente della Regione Fedrigae il ministro dell'Economia e delle Finanze, sono giunti abilancio ...
 |  Redazione de il Meridiano  |  Politica

"Questo testo normativo, benché
formato da soli 4 articoli, interviene per dare vigore a diversi
settori tra i quali quelli delle imprese, della sanità, delle
politiche abitative, della cultura e dello sport. In seguito
all'accordo sottoscritto tra il presidente della Regione Fedriga
e il ministro dell'Economia e delle Finanze, sono giunti a
bilancio ben 66,6 milioni di euro che, insieme a variazioni di
stanziamento a saldo complessivo invariato per 43,12 milioni e
ulteriori risorse finanziarie, portano un impiego totale di ben
117 milioni".

Questo, secondo il consigliere regionale Alessandro Basso (FdI),
primo relatore di Maggioranza a prendere la parola davanti
all'Aula, è un sunto già eloquente del disegno di legge 152
relativo alle Misure finanziarie multisettoriali urgenti
(Assestamento Ter).

"Un ddl - ha proseguito il presidente della I Commissione
permanente, che si è direttamente occupata del ddl 152 - che si
pone l'obiettivo di impiegare immediatamente risorse disponibili
per i comparti economici e sociali del nostro territorio
regionale che stanno ancora affrontando una situazione molto
difficile

"L'articolo 2 - ha quindi dettagliato Basso -  prevede la
concessione di contributi per la rete dei Cammini del Friuli
Venezia Giulia, mentre arriveranno ben 50 milioni di euro per
l'edilizia agevolata e un sostegno concreto per interventi di
riqualificazione del Museo diocesano di Trieste e per la
progettazione e la realizzazione di sale polifunzionali del
seminario della diocesi di Concordia-Pordenone".

"L'assestamento di bilancio - ha esordito Mauro di Bert (Progetto
Fvg/Ar) - è lo strumento giuridico-contabile destinato ad
aggiornare e adeguare il bilancio di previsione annuale alla
nuova realtà economica e finanziaria. Rappresenta un momento
importante della gestione finanziaria dell'Ente, perché consente
di realizzare le ultime verifiche di bilancio e, nel caso di
necessità, porre in essere le dovute manovre correttive
sull'andamento finanziario della gestione".

"Nel caso della Regione Fvg, tra storni di spesa e maggiori
entrate, affrontiamo il terzo assestamento per il 2021 con una
manovra che supera i 117 milioni di euro.
Una cifra importante - ha sostenuto Di Bert -  che ci consente di
finanziare interventi nelle cosiddette aree strategiche. 24
milioni per il settore agricolo attraverso il Fondo di rotazione,
quasi 28 a vantaggio del servizio sanitario, 3milioni alle
piccole e medie imprese intenzionate a rinnovare macchinari e
attrezzature, altri 3 per il Frie e 1 per coprire le spese di
investimento delle imprese commerciali di piccole dimensioni. Per
quanto riguarda cultura e sport, l'ammontare complessivo supera
gli 8 milioni".

"Il ddl 152 - si è infine accommiatato il relatore del Progetto
Fvg/Ar - ha il pregio di ottimizzare le risorse disponibili,
intervenendo sui bisogni del territorio, della comunità e del
mondo impresa, continuando a dare concretezza a quel lavoro di
confronto e dialogo che sta caratterizzando questa legislatura".

Il documento segue "un percorso già intrapreso durante
l'emergenza, mantenendo l'indirizzo impresso sin da inizio
mandato alla nostra azione amministrativa. Attenzione prioritaria
- ha sottolineato, dal canto suo, il capogruppo leghista Mauro
Bordin - viene data a modifiche normative che permettano di
fronteggiare la crisi. Questo ddl, che già in sede di audizione
in I Commissione ha avuto l'apprezzamento della Maggioranza e poi
ulteriormente migliorato con interventi presentati dall'assessore
Zilli, permetterà di apportare ulteriori risorse derivanti
dall'accordo Stato-Regione, nonché resi disponibili da rientri e
rimborsi riferibili alla spesa per il periodo emergenziale".

"Si tratta di un'importante iniezione di risorse, frutto di
un'attenta razionalizzazione e ottimizzazione della spesa, che
serviranno in particolare - ha evidenziato l'esponente del
Carroccio - a incentivi per l'acquisto di macchinari,
attrezzature e beni strumentali destinati alle imprese
industriali. Altri 3milioni saranno invece messi a disposizione
dei trasferimenti al Frie per la concessione delle contribuzioni
integrative".

"Con l'Assestamento Ter - ha concluso Bordin - l'Amministrazione
regionale vuole ancora una volta mettere in primo piano le
imprese. In materia di Autonomie locali importanti risorse
finanziarie vanno a favore dei Comuni, alle quali si aggiungono
coperture per manifestazioni sportive e progetti culturali,
interventi urgenti di manutenzione di corsi d'acqua e dragaggi.
Senza dimenticare le agevolazioni sulla casa, l'edilizia
scolastica, la riqualificazione dei centri minori, la viabilità e
l'asfaltatura delle strade comunali. Auspico che quest'aula
apprezzi i contenuti ed esprima all'unanimità un voto favorevole".



©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto