Skip to main content

Prosegue a Muggia la “Festa barocca” in programma fino a domenica 23 giugno

Fino a domani, domenica 23 giugno 2024 si terrà la terza edizione dell’appuntamento di inizio estate svolto in concomitanza con la Festa dei Patroni Santi Giovanni e Paolo che l’Associazione musicale “Serenade Ensemble” di Muggia dedica al mondo barocco, con l’intenzione di rendere la cittadina rivierasca una sorta di “culla” dell...
 |  Nik97  |  Eventi

Fino a domani, domenica 23 giugno 2024 si terrà la terza edizione dell’appuntamento di inizio estate svolto in concomitanza con la Festa dei Patroni Santi Giovanni e Paolo che l’Associazione musicale “Serenade Ensemble” di Muggia dedica al mondo barocco, con l’intenzione di rendere la cittadina rivierasca una sorta di “culla” della cultura e del Sei e Settecento musicale e della riscoperta delle tradizioni che da quel mondo traggono origine.

 

Sarà particolarmente ricca anche quest’anno l’offerta di musica, workshop, canti, passerelle in abiti d’epoca e balli antichi e tradizionali per la rassegna musicale che vedrà Muggia immersa per tre giorni in un’atmosfera che richiama la rilassatezza e il buon gusto della vita e della musica dei secoli passati.

 

Si tratta di un calendario particolarmente corposo che avrà per teatro vari luoghi sacri (basilica di Muggia Vecchia, chiesetta del Crocifisso, Duomo e comprensorio di San Francesco) e Piazza Marconi e offrirà al pubblico un ventaglio di emozioni artistiche sostenute con entusiasmo da professionisti o semplici amatori.

La giornata di oggi, sabato 22 giugno sarà dedicata, oltre che alla musica, alla sezione storica e iconografica della manifestazione, con due relazioni tenute nella chiesetta di San Francesco a partire dalle ore 17.30 dall’Ingegner Federico Xiccato (su “La fisica dei tubi sonori e la costruzione di repliche di strumenti d'epoca”) e dalla dottoressa Raffaela Rimaboschi (in merito a “Le antiche vernici, applicate anche agli strumenti a corda”).

Il concerto che chiuderà la seconda giornata, in Duomo a partire dalle ore 21.00, avrà per protagonista l’ensemble Collegium Musicum Fluminense della C.I. di Fiume che, diretto da David Stefanutti, ospiterà Giacomo e Andrea Sfetez, rispettivamente fagottista e cornista, in un programma di musiche di Bach, Corrette, Vivaldi e Graupner. L’introduzione al concerto sarà sostenuta dalla corale Scherzi Armonici - A.R.I.S. diretta da Giulia Fonzari con l’esecuzione dei Madrigali di benvenuto.

La “Festa Barocca” si concluderà nella giornata di domani, domenica 23 giugno con tre appuntamenti, il primo dei quali - denominato “Officina Musicale Barocca” e aperto al pubblico - si terrà alle ore 11.00 nella chiesa del Crocifisso.

Alle ore 12.15, al termine della Santa Messa che celebrerà i Santi Patroni, il Duomo di Muggia ospiterà l’esibizione dei partecipanti al Laboratorio di musica antica del professor Manuel Staropoli, che fungerà da preludio a “La Piazza e la Chiesa”, il momento più atteso del calendario: si tratta infatti della presentazione in piazza Marconi dei balli storici di tradizione istroveneta, preceduti da una passerella in costumi d’epoca. Saranno presenti a Muggia per l’occasione gli ottoni antichi dell’Orchestra a Fiati “Città di Muggia”, i gruppi “Mugla Bjela”, “Al tempo di Tartini” della C.I. di Pirano, “Balli Tradizionali di Umago” e il gruppo Storico Folk della C.I. di Gallesano.

Alle ore 21.00, conclusa la festa in piazza, sono tutti invitati in Duomo a omaggiare i Santi Protettori e a presenziare al Concerto Magistrale di Manuel Staropoli, introdotto dal Coro della C.I. di Pirano che, diretto da Barbara Barač, presenterà tre Canzoni Sacre di Tartini con la partecipazione di Anna Bodi e Matjaž Zobec.

 “La Festa Barocca è una manifestazione in costante crescita - rileva la Presidente dell’Associazione musicale “Serenade Ensemble” di Muggia, Roberta Vlahov - che mira a fare della nostra cittadina, un punto di riferimento e incontro per le tradizioni della regione, dell’Istria e della Dalmazia. Un passo alla volta, ci stiamo riuscendo, grazie anche al supporto delle istituzioni, per una condivisione di voci, storie e cultura, che oggi più che mai, servono a tenere viva la storia delle nostre terre”. 

“Sarà - commenta il direttore artistico della “Festa Barocca” Andrea Sfetez - un programma particolarmente denso di avvenimenti che quest’anno prevede anche uno spazio per le relazioni divulgative, nonché l’istituzione di un nuovo e interessante momento musicale e di condivisione con il pubblico: l’Officina Musicale Barocca che sarà aperta presso la chiesetta del Crocifisso sabato 22 e domenica 23 giugno dalle ore 11.00 alle ore 13.00 per dare vita a una sorta di “salotto musicale” in cui chi volesse eseguire musica barocca, non necessariamente con strumenti antichi , lo potrà fare, permeando il corso Puccini di bella musica dedicata agli amatori, estimatori o ai numerosi turisti.

Infine dei doverosi ringraziamenti: l’organizzazione della manifestazione è stata possibile grazie al contributo del Comune di Muggia, alla stretta collaborazione con la parrocchia S.S. Giovanni e Paolo e il Conservatorio di Musica “Giuseppe Tartini” di Trieste e si avvale, in considerazione della particolare rilevanza per la divulgazione delle tradizioni istriane, del patrocinio dell’A.N.V.G.D. - Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di Trieste”.

L’ingresso ai concerti è libero. In caso di maltempo saranno comunque garantiti gli spettacoli nelle chiese e quello di domenica 23 alle ore 20.00 sarà tenuto sotto la Loggia del Comune di Muggia.

Parole chiave: Muggia