Riapertura per la stazione dei treni di Mossa?

"La stazione ferroviaria di Mossa, dismessa dal 2013, è al centro di una valutazione per una possibile riapertura, insieme a quelle di Capriva del Friuli e di Palazzolo dello Stella, per dare una risposta a chi viaggia con questo mezzo di trasporto. L'istanza, che arriva direttamente dai sindaci e dai cittadini, mi ha portato a fare un primo sop...
 |  Francesco Tremul  |  Attualità

"La stazione ferroviaria di Mossa, dismessa dal 2013, è al centro di una valutazione per una possibile riapertura, insieme a quelle di Capriva del Friuli e di Palazzolo dello Stella, per dare una risposta a chi viaggia con questo mezzo di trasporto. L'istanza, che arriva direttamente dai sindaci e dai cittadini, mi ha portato a fare un primo sopralluogo dell'area di Mossa e il passo iniziale che faremo è quello incontrare i referenti di Rete ferroviaria Italiana e Trenitalia, per capire quali siano i margini di manovra; se sia possibile, ad esempio, riattivare la stazione in alcune fasce orarie specifiche, magari in concomitanza con i movimenti di studenti e lavoratori. Ci impegneremo al meglio per cercare una soluzione che possa permettere al territorio di avere a disposizione un servizio in più, oggi più che mai utile, anche in considerazione del caro carburanti".

Lo ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio del Friuli Venezia Giulia, Graziano Pizzimenti, nel corso di un sopralluogo alla stazione dei treni di Mossa assieme al sindaco Emanuela Russian.

La stazione di Mossa è stata dismessa nel 2013, pochi mesi dopo essere stata ristrutturata, tanto che le sue condizioni si presentano in ottimo stato (l'alloggio sovrastante, peraltro, è stabilmente abilitato). La tratta ferroviaria (Trieste-Udine) che attraversa Mossa vede viaggiare ogni giorno 110 convogli, tra passeggeri e merci. Sorge accanto alla strada regionale 56, a poche decine di metri dal confine con il comune di Gorizia, arteria strategica di collegamento: è stato anche questo uno dei punti esaminati dall'assessore Pizzimenti con il sindaco.

Russian ha ricordato che a breve il traffico pesante sarà deviato lungo la ex sr 57 bis, in base a una ordinanza sindacale congiunta dei sindaci di Mossa e Gorizia.

"L'area che ho visitato - ha detto Pizzimenti - è interessata anche da un altro importante progetto: quello per la creazione di una pista ciclabile che collegherà il Collio con il Carso. Pure sotto tale profilo, la riapertura ben calibrata della stazione ferroviaria può divenire strategica. L'itinerario della nuova ciclabile, infatti, vedrà il transito delle bike nel sottopasso che, per questo, sarà ristrutturato e messo in piena sicurezza".

L'incontro con il sindaco e gli assessori comunali di Mossa, infine, ha dato modo all'assessore regionale di fare un secondo sopralluogo sul terreno su cui sorgerà la nuova scuola elementare, adiacente la scuola dell'infanzia. "La Giunta regionale - ha spiegato Pizzimenti - ha stanziato 1,5 milioni di € per il nuovo immobile i cui lavori partiranno a giorni, per concludersi nei primi mesi del 2023. Un intervento importante, per gli 80 giovani studenti che oggi seguono le lezioni in una struttura datata anni Sessanta. Quest'ultima sarà in parte demolita, rimessa a nuovo, e andrà a ospitare la biblioteca e la Scuola di musica comunale di Mossa, una realtà di eccellenza di questo territorio che richiama un centinaio di allievi da diverse zone del goriziano. Grazie alla nuova scuola l'area diventerà quindi un polo didattico sicuro, a servizio delle famiglie di Mossa e dei dintorni".

Parole chiave: Isontino


©Il Meridiano di Trieste e Gorizia. Tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica online iscritta presso il Tribunale di Trieste – Numero registrazione 12/2021 del 3 settembre 2021 - 3100/21 V.G.

Direttore Flavio Ballabani. Realizzato da Mittelcom.

Torna in alto